Che cos'è l'Influenza?

Che cos'è l'Influenza?

Che cos'è l'Influenza?

NOTA IMPORTANTE: Corvelva invita a informarsi in modo approfondito leggendo tutte le sezioni e link, oltre che i foglietti illustrativi e schede tecniche dei prodotti del produttore, e a parlare con uno o più professionisti di fiducia prima di decidere di vaccinare se stessi o il proprio bambino. Queste informazioni sono solo a scopo informativo e non sono da intendersi come consigli medici.

L'influenza è un'infezione virale che produce febbre, brividi, mal di gola, dolori muscolari e tosse che durano una settimana o più.(1) Si tende a usare il termine "influenza" per descrivere qualsiasi tipo di malattia respiratoria o gastrointestinale, come il raffreddore o la diarrea e il vomito che assomigliano ai sintomi della "influenza-like-illness" (ILI). Tuttavia l'influenza è di solito associata a una malattia più grave e dura più a lungo del comune raffreddore e, normalmente, l'influenza non causa vomito o diarrea negli adulti.(2)

I virus dell'influenza sono virus a genoma RNA della famiglia degli Orthomyxoviridae. I virus dell'influenza A infettano l'uomo, gli animali e gli uccelli; i virus dell'influenza B e C infettano principalmente l'uomo, mentre l'influenza di tipo D infetta i bovini. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), "il virus dell'influenza subisce alti tassi di mutazione e frequenti riassortimenti genetici (combinazione e riarrangiamento di materiale genetico) che portano alla variabilità degli antigeni HA (emoagglutinina) e NA (neuraminidasi)".(3)

I virus dell'influenza A sono presenti in anatre, polli, maiali, cavalli, balene e foche. Gli uccelli selvatici sono il principale serbatoio naturale dei virus dell'influenza A e spesso causano un'infezione asintomatica o lieve negli uccelli, ma possono diventare virulenti sia nel pollame selvatico che in quello domestico (polli e tacchini). I suini possono essere infettati da virus suini, umani e aviari e talvolta questi virus si ricombinano e creano nuovi virus influenzali.(4-5) I virus dell'influenza A sono divisi in sottotipi in base a due proteine sulla superficie del virus e possono essere ulteriormente suddivisi in diversi ceppi, mentre i virus dell'influenza B non sono divisi in sottotipi ma possono essere suddivisi in lignaggi e ceppi.(6)

Poiché i virus influenzali mutano continuamente e ci sono diversi ceppi e sottotipi che sono più o meno prevalenti tra le popolazioni umane di anno in anno, si verificano focolai ed epidemie in determinate aree geografiche o paesi. Occasionalmente, un ceppo influenzale emerge per causare una pandemia influenzale che si diffonde a livello globale ed è solitamente associata a malattie più gravi e a un aumento della mortalità.(7) Storicamente, le pandemie influenzali con tassi più elevati di complicazioni e morte hanno coinvolto ceppi influenzali di tipo A, come quello che ha causato la pandemia influenzale del 1918-19.(8)

Oltre il 70% di tutte le infezioni respiratorie che si verificano durante la "stagione influenzale" non sono rappresentate dall'influenza di tipo A o B, poiché esistono molti altri virus e batteri che possono causare una "malattia simil-influenzale" (ILI). I sintomi dell'infezione ILI sono simili a quelli dell'influenza e solo gli esami di laboratorio possono confermare se un individuo è stato infettato dall'influenza o da una ILI.(9-10)

La stragrande maggioranza delle persone guarisce dall'influenza senza complicazioni e sviluppa un'immunità alle future infezioni con lo stesso ceppo o con un ceppo influenzale correlato che può prevenire i sintomi della malattia o renderla meno grave.(11) Esiste tuttavia un rischio maggiore di gravi complicazioni e di morte per gli anziani e per coloro che hanno un sistema immunitario compromesso o che soffrono di diabete, disfunzioni renali, malattie cardiache e altri problemi cronici di salute.(12)

Tra le stagioni influenzali 1976/1977 e 2006/2007, il Centers for Disease Control americano (CDC) ha stimato che, a seconda del tipo di influenza e del ceppo circolante in un determinato anno, i decessi legati all'influenza negli Stati Uniti variano da un minimo di 3.000 a un massimo di 49.000.(13) Secondo il CDC, tra il 2010 e il 2020 i decessi legati all'influenza hanno oscillato tra un minimo di 12.000 e un massimo di 52.000.(14) Questi numeri, tuttavia, sono solo stime perché il CDC non raccoglie informazioni sui decessi legati all'influenza per le persone di età superiore ai 18 anni, quindi il numero esatto rimane sconosciuto.(15)

Sia le persone vaccinate che quelle non vaccinate possono essere infettate dal virus dell'influenza e diffonderlo e trasmetterlo nelle secrezioni respiratorie(16) e il virus dell'influenza wild-type è stato diffuso e identificato anche nelle feci.(17) Gli individui vaccinati e non vaccinati possono trasmettere l'influenza ad altri ma essere asintomatici e non presentare sintomi clinici apparenti.(18-19)

I virus dell'influenza si trasmettono per via aerea tramite goccioline quando le persone infette tossiscono, starnutiscono o parlano. Queste goccioline possono finire nella bocca o nel naso o essere inalate nei polmoni di altre persone vicine a una persona affetta da influenza.(20) Meno frequentemente, una persona può anche infettarsi toccando un oggetto o una superficie su cui è presente il virus dell'influenza e poi toccandosi il naso o la bocca.(21)

Per evitare di trasmettere il virus dell'influenza - o altri tipi di infezioni respiratorie simil-influenzali - ad altri, le persone che sanno di essere malate dovrebbero rimanere a casa finché non si rimettono. Il lavaggio frequente delle mani con acqua e sapone può aiutare a prevenire la diffusione dell'influenza e di altri virus. Se l'acqua e il sapone non sono disponibili, si possono usare anche disinfettanti per le mani a base di alcol. Gli utensili per mangiare, i piatti, la biancheria e gli altri oggetti personali usati da chi è malato non devono essere condivisi senza un lavaggio accurato. Le superfici che vengono toccate frequentemente devono essere pulite e disinfettate a casa, a scuola e al lavoro, soprattutto se utilizzate da persone malate.(22)

Il presente articolo è riassunto e tradotto da National Vaccine Information Center.

Leggi anche...

Corvelva

Publish the Menu module to "offcanvas" position. Here you can publish other modules as well.
Learn More.

0
Condividi