Che cos'è la Varicella?

Che cos'è la Varicella?

Che cos'è la Varicella?

NOTA IMPORTANTE: Corvelva invita a informarsi in modo approfondito leggendo tutte le sezioni e link, oltre che i foglietti illustrativi e schede tecniche dei prodotti del produttore, e a parlare con uno o più professionisti di fiducia prima di decidere di vaccinare se stessi o il proprio bambino. Queste informazioni sono solo a scopo informativo e non sono da intendersi come consigli medici.

La varicella è una malattia causata dal virus della varicella zoster, un virus a DNA che fa parte della famiglia degli herpes virus (Alphaherpesvirinae) ed è associato all'herpes zoster. Il virus si presenta inizialmente come un'infezione da varicella; tuttavia, poiché il virus è in grado di rimanere nei gangli nervosi sensoriali del corpo dopo la prima infezione, ha il potenziale di riattivarsi. Se il virus si riattiva, si presenta come un'infezione da herpes zoster.(1) Il virus della varicella è presente solo nell'uomo e le epidemie si verificano generalmente tra marzo e maggio negli Stati Uniti.(2)

La varicella si trasmette attraverso il contatto diretto con le vescicole della varicella, l'inalazione di particelle dalle vescicole della varicella ed eventualmente il contatto con secrezioni respiratorie infettate dal virus.(3) I sintomi della varicella iniziano generalmente tra i 10 e i 21 giorni dopo l'esposizione al virus e la malattia dura in genere tra i 5 e i 10 giorni. Negli adulti, i primi sintomi della varicella possono includere mal di testa, febbre, perdita di appetito e affaticamento. Questi sintomi di solito si manifestano da 1 a 2 giorni prima della comparsa dell'eruzione cutanea; tuttavia, nei bambini l'eruzione cutanea è spesso il primo segno dell'infezione.(4)

Quando si manifesta l'esantema della varicella, di solito inizia con protuberanze rosse o rosa in rilievo e pruriginose (papule). Queste protuberanze durano generalmente alcuni giorni prima di trasformarsi in vescicole piene di liquido (vescicole). Dopo circa un giorno, le vescicole si aprono, fuoriescono e alla fine si formano croste e croste.(5) L'eruzione cutanea di solito inizia sulla testa, poi si diffonde al tronco e infine alle braccia e alle gambe. L'eruzione cutanea può essere presente anche negli occhi, nella gola e nei genitali.(6) Poiché l'eruzione cutanea compare nell'arco di diversi giorni, le lesioni della varicella possono essere presenti sul corpo sotto forma di papule, vescicole e croste contemporaneamente. In media, i bambini sani presentano tra le 200 e le 500 lesioni da varicella, che in genere hanno un diametro compreso tra 1 e 4 millimetri.(7)

Le infezioni da varicella possono verificarsi nei soggetti vaccinati, ma spesso si tratta di un'infezione più lieve, con meno di 50 lesioni cutanee, e l'eruzione cutanea si presenta spesso come papule invece che come vescicole. Anche i tassi di febbre possono essere più bassi tra i soggetti vaccinati che sviluppano la varicella. Il 25-30% delle persone che sviluppano la varicella dopo aver ricevuto una dose di vaccino contro la varicella può comunque manifestare una malattia simile a un'infezione naturale da varicella. Le informazioni sulla presentazione della malattia da varicella tra le persone vaccinate con due dosi di vaccino sono attualmente limitate.8 Una persona con varicella da varicella da varicella è ancora contagiosa e può diffondere la malattia ad altri.(9)

Si ritiene che una persona con varicella ingravescente con meno di 50 lesioni abbia due terzi di probabilità in meno di trasmettere la malattia rispetto a chi ha sviluppato più di 50 lesioni; tuttavia, la presentazione clinica lieve può ritardare la diagnosi. Di conseguenza, gli individui con varicella non diagnosticata possono potenzialmente causare tassi di trasmissione più elevati all'interno della comunità, non adottando le precauzioni di isolamento per prevenire la diffusione della malattia ad altri.(10)

La varicella è considerata un'infezione lieve; tuttavia, possono verificarsi complicazioni. Le complicazioni della varicella possono includere polmonite virale e batterica, infezioni batteriche della pelle, encefalite, atassia cerebellare, setticemia, fascite necrotizzante, sindrome da shock tossico, osteomielite e artrite settica.(11) I neonati nati da madri infettate dalla varicella tra i 5 giorni precedenti e i 2 giorni successivi al parto, i neonati prematuri, le donne in gravidanza e le persone con condizioni di immunosoppressione sono considerati a più alto rischio di sviluppare complicanze.(12)

Prima dell'introduzione del vaccino contro la varicella, quasi tutti sviluppavano l'infezione da bambini. Circa 4 milioni di casi di varicella si verificavano ogni anno negli Stati Uniti e la maggior parte dei casi colpiva bambini di età inferiore ai 15 anni. I bambini di età compresa tra 1 e 4 anni hanno registrato i tassi più elevati di infezioni da varicella, seguiti da vicino dai bambini di età compresa tra 5 e 9 anni. Solo il 7% delle infezioni da varicella si è verificato negli adulti.(13) La varicella è stata rimossa dall'elenco delle malattie soggette a denuncia nazionale nel 1981, ma è tornata nell'elenco nel 2003.(14) I decessi correlati alla varicella sono soggetti a notifica nazionale dal 1999(15) e nel 2017 sono stati segnalati 2 decessi associati alla varicella negli Stati Uniti.(16)

La guarigione dalla varicella conferisce un'immunità naturale di lunga durata e gli individui immunocompetenti raramente subiscono un secondo attacco.(17) La riesposizione al virus della varicella rafforza il sistema immunitario di una persona e diminuisce il rischio di infezione da herpes zoster.(18)

Il presente articolo è riassunto e tradotto da National Vaccine Information Center.

 

Corvelva

Publish the Menu module to "offcanvas" position. Here you can publish other modules as well.
Learn More.

0
Condividi