Il vaccino contro il Papillomavirus (HPV) può causare lesioni e/o morte?

Il vaccino contro il Papillomavirus può causare lesioni e/o morte?

Il vaccino contro il Papillomavirus può causare lesioni e/o morte?

NOTA IMPORTANTE: Corvelva invita a informarsi in modo approfondito leggendo tutte le sezioni e link, oltre che i foglietti illustrativi e schede tecniche dei prodotti del produttore, e a parlare con uno o più professionisti di fiducia prima di decidere di vaccinare se stessi o il proprio bambino. Queste informazioni sono solo a scopo informativo e non sono da intendersi come consigli medici.

Il seguente articolo cerca di far luce sul vasto mondo delle reazioni avverse, con sguardo specifico su quello contro il Papillomavirus, ma vi esortiamo a leggere tutti i focus riportati qui sotto per comprendere le altre problematiche connesse, come il problema dei vaccini multipli, l’ipersensibilità a uno o più composti del vaccino, il problema SIDS e quello degli adiuvanti. La maggior parte di vaccini in commercio è prodotta, per scopi commerciali, in formulazioni spesso multiple e questo rende molto più vasto il tema del danno da vaccino.

Gli effetti collaterali più comunemente segnalati della vaccinazione anti-Papillomavirus (HPV) includono: dolore, gonfiore e arrossamento nel sito di iniezione, nausea, mal di testa, febbre, affaticamento e dolori muscolari o articolari. Lo svenimento - definito episodio sincopale - in seguito alla vaccinazione HPV è stato segnalato di frequente e, di conseguenza, si raccomanda ai soggetti che ricevono il vaccino di rimanere seduti o sdraiati per prevenire la sincope e le potenziali lesioni che possono derivare da una caduta.(1)

Alcuni degli eventi avversi segnalati dai produttori durante gli studi clinici pre-licenza comprendono:

Gardasil - dolore al sito di iniezione, gonfiore, arrossamento ed ecchimosi, febbre, cefalea, nausea, vertigini, sincope, a volte in concomitanza con attività di tipo convulsivo, anafilassi, diarrea, vomito, tosse, infezione del tratto respiratorio superiore, congestione nasale, insonnia, malessere, dolore orofaringeo, rinofaringite, dolore addominale superiore, gastroenterite, appendicite, malattia infiammatoria pelvica, infezione del tratto urinario, polmonite, embolia polmonare, pielonefrite, broncospasmo e morte.(2)

Cervarix - dolore al sito di iniezione, arrossamento, ecchimosi e gonfiore, sincope, affaticamento, cefalea, sintomi gastrointestinali, rash, febbre, artralgia, mialgia, orticaria, infezione del tratto urinario, mal di schiena, dismenorrea, rinofaringite, influenza, infezione vaginale, faringite, infezione da clamidia, artrite, artrite reumatoide, celiachia, diabete mellito, eritema nodoso, malattia infiammatoria intestinale, ipertiroidismo, ipotiroidismo, sclerosi multipla, mielite trasversa, lupus eritematoso sistemico, trombocitopenia, vasculite, neurite ottica, vitiligine e morte.(3)

Gardasil 9 - dolore, gonfiore, arrossamento ed ecchimosi nel sito di iniezione, sincope, febbre, cefalea, nausea, vertigini, affaticamento, diarrea, infezione del tratto respiratorio superiore, dolore addominale superiore, dolore orofaringeo, mialgia, crisi asmatica, anafilassi e morte.(4)
Gli eventi avversi post-marketing segnalati per Gardasil 9 includono: embolia polmonare, porpora trombocitopenica idiopatica, linfoadenopatia, anemia emolitica autoimmune, pancreatite, astenia, brividi, affaticamento, malessere, broncospasmo, orticaria, anafilassi, encefalomielite acuta disseminata, vertigini, mielite trasversa, sindrome di Guillain-Barré, cefalea, malattia del motoneurone, paralisi, convulsioni, sincope (compresa la sincope associata ad altre attività simili a crisi epilettiche e a movimenti tonico-clonici) a volte con lesioni da caduta, trombosi venosa profonda, cellulite, mialgia, artralgia e morte.

Nell'ultimo decennio sono stati condotti numerosi studi e rapporti che collegano la vaccinazione HPV a malattie croniche nei bambini e nei giovani adulti. Queste includono anafilassi,(5) lupus,(6-7) eritema multiforme,(8) encefalomielite acuta disseminata,(9-10-11) mielite trasversa,(12) sclerosi laterale amiotrofica (SLA),(13) demielinizzazione del sistema nervoso centrale,(14-15) sclerosi multipla,(16) compresa la sclerosi multipla pediatrica,(17) sindrome di Guillain-Barre,(18-19) pancreatite,(20-21) sindrome infiammatoria intestinale,(22) neurite del plesso brachiale,(23) neurite brachiale,(24) neurite ottica,(25) neuromielite optica,(26) mioclono opsoclono,(27) sindrome del punto bianco evanescente,(28-29) atassia cerebellare acuta,(30) epatite autoimmune,(31) neuromiotonia autoimmune,(32) vasculite,(33) porpora trombocitopenica,(34) porpora trombocitopenica immune,(35) sindrome da tachicardia posturale ortostatica (POTS),(36-37-38) sindrome da dolore regionale complesso (CRPS),(39) sindrome da fatica cronica (CFS),(40) e disfunzione del nervo simpatico periferico.(41) Un questionario pubblicato(42) su persone sottoposte a vaccinazione HPV e incentrato su una combinazione di malattie croniche, tra cui POTS, CRPS e fibromialgia, ha rilevato che il 93% dei soggetti che riferivano sintomi correlati a queste condizioni erano ancora incapaci di lavorare o frequentare la scuola quattro anni dopo la vaccinazione. Inoltre, diversi studi hanno collegato la vaccinazione contro l'HPV all'insufficienza ovarica primaria, con conseguente riduzione della fertilità(43-44-45-46). Uno studio del 2018 ha rilevato tassi di gravidanza più bassi nelle donne che avevano ricevuto la vaccinazione HPV.(47)

Gli eventi avversi conseguenti alla vaccinazione HPV sono stati collegati anche a una condizione medica relativamente nuova, definita Sindrome autoimmune/infiammatoria indotta da adiuvanti (ASIA).(48) Nel 2011, il dott. Yehuda Shoenfeld, fondatore e direttore del Centro Zabludowicz per le malattie autoimmuni in Israele, ha pubblicato un documento che associa quattro condizioni mediche - la sindrome della Guerra del Golfo (GWS), la sindrome della miofasciite macrofagica (MMF) (una sindrome precedentemente correlata all'uso di coadiuvanti di alluminio), la siliconosi (una condizione correlata alle protesi mammarie al silicone) e i fenomeni post-vaccinazione (malattia cronica successiva alla vaccinazione) a una precedente esposizione agli adiuvanti.

Il Dr. Shoenfeld ha notato che i pazienti affetti da queste condizioni presentavano sintomi clinici molto simili. Da allora, alcuni studi pubblicati hanno collegato l'adiuvante di alluminio presente nel vaccino HPV a diverse condizioni di salute croniche, tra cui la sindrome da tachicardia posturale (POTS),(49) l'insufficienza ovarica primaria (POF),(50) l'epifaringite cronica,(51) la sindrome pseudo-neurologica,(52) e gravi sindromi somatoformi e disautonomiche.(53) Uno studio epidemiologico sui dati raccolti dal sistema federale di segnalazione degli eventi avversi ai vaccini (VAERS) ha stimato che 3,6 dosi di vaccinazione HPV su 100.000 hanno provocato sintomi coerenti con una diagnosi di ASIA.(54)

Uno studio sugli effetti della vaccinazione contro l'HPV ha rilevato che sia gli antigeni dell'HPV sia l'adiuvante di alluminio sembrano avere la capacità di scatenare reazioni autoimmuni e neuroinfiammazione nelle femmine di topo, con conseguenti cambiamenti nei modelli comportamentali.(55)

Sono stati pubblicati anche studi che collegano la vaccinazione HPV alla morte improvvisa in donne precedentemente sane. Uno studio pubblicato nel 2012 su due decessi in seguito a vaccinazione HPV ha concluso che gli antigeni HPV-16L1 presenti nei vaccini HPV possono potenzialmente causare vasculopatie autoimmuni fatali.(56) Sempre nel 2012, Sin Hang Lee, ricercatore e patologo abilitato, ha pubblicato un caso di studio riguardante la morte improvvisa e inspiegabile di una giovane donna sei mesi dopo aver completato una serie di tre dosi di Gardasil. La dottoressa Lee ha trovato nel sangue e nella milza DNA del gene HPV-16 simile ai frammenti di DNA del gene HPV-16 contenuti in Gardasil. Il DNA del gene HPV-16 LI era legato allo stesso adiuvante di alluminio presente nel vaccino, che lo proteggeva dalla degradazione. Non si sa ancora se questi frammenti di DNA HPV abbiano avuto un ruolo nella morte della ragazza.

Un articolo del 2017 pubblicato su Drug Safety ha esaminato i problemi di sicurezza associati alla vaccinazione contro l'HPV.(57) Sono stati analizzati i dati riportati nei sistemi di segnalazione delle reazioni avverse di diversi Paesi e si è riscontrato un numero relativamente elevato di segnalazioni di cefalea, vertigini, affaticamento e sincope associate a ricovero prolungato o debilitazione. Mentre alcune segnalazioni riportavano come diagnosi la Sindrome da Tachicardia Posturale Ortostatica (POTS), la Sindrome da Dolore Regionale Complesso (CRPS) o la Sindrome da Fatica Cronica (CFS), la stragrande maggioranza delle segnalazioni non riportava alcuna diagnosi. Questo studio ha anche rilevato un numero significativamente più elevato di eventi che comportavano una combinazione di vertigini e cefalea con sincope o affaticamento in seguito alla vaccinazione HPV rispetto alle reazioni avverse di altri vaccini. È stato inoltre osservato che queste combinazioni di sintomi sono state segnalate per la prima volta nei Paesi che hanno approvato e raccomandato per primi la vaccinazione HPV e che i sintomi segnalati sono persistiti a livello globale.

A causa di questi risultati, altri si sono chiesti se gli attuali strumenti di monitoraggio della sicurezza dei farmaci e dei vaccini siano in grado di rilevare e rispondere adeguatamente ai segnali che indicano l'esistenza di un problema serio con un prodotto attualmente in commercio.(58) Inoltre, uno studio del 2018 ha rilevato che solo circa la metà degli studi clinici disponibili sui vaccini HPV era stata completata prima dell'approvazione dei vaccini da parte della Federal Drug Administration (FDA) e dell'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA).(59) Lo studio ha anche rilevato che i produttori di farmaci hanno pubblicato solo i risultati di circa due terzi degli studi clinici sull'HPV, lasciando agli autori dello studio il dubbio che i produttori di farmaci stessero scegliendo selettivamente quali dati clinici pubblicare.

Nel dicembre 2017, Slate Magazine ha pubblicato una storia di copertina sugli studi clinici pre-approvazione del vaccino Gardasil.(60) Questo rapporto investigativo ha stabilito che gli studi di sicurezza pre-approvazione di Merck "hanno utilizzato un metodo contorto che ha reso impossibile una valutazione e una segnalazione oggettiva dei potenziali effetti collaterali durante tutte le settimane, tranne poche, della sperimentazione durata anni".(61) L'articolo ha osservato che agli sperimentatori clinici di Merck è stato consentito di utilizzare il giudizio personale nel segnalare i problemi medici come eventi avversi, consentendo essenzialmente agli sperimentatori dello studio di decidere quali sintomi potessero essere eventualmente correlati alla vaccinazione. Agli sperimentatori dello studio è stato inoltre consentito di elencare i nuovi problemi di salute successivi alla vaccinazione come anamnesi, non come eventi avversi, e di limitare il follow-up della sicurezza a 14 giorni dopo ciascuna delle tre dosi di vaccinazione Gardasil. L'indagine di Slate ha individuato diverse donne coinvolte nelle sperimentazioni pre-licenziamento di Gardasil che hanno riferito agli sperimentatori dello studio malattie croniche successive alla vaccinazione, ma i loro sintomi non sono mai stati segnalati da Merck.

Nell'aprile 2018, l'Indian Journal of Medical Ethics ha pubblicato un rapporto che suggerisce che l'aumento dei tassi di cancro cervicale in Svezia potrebbe essere associato alla vaccinazione HPV. L'autore dello studio, preoccupato di poter essere preso di mira per aver messo in dubbio la sicurezza o l'efficacia di un vaccino, ha scelto di pubblicare sotto falso nome senza contattare preventivamente la rivista. Inizialmente, la rivista ha deciso di consentire la pubblicazione dell'articolo nonostante l'inganno, dopo aver stabilito che l'autore aveva le credenziali necessarie e che si trovava di fronte a una minaccia credibile di danno, affermando che "le questioni sollevate sono importanti e la discussione su di esse è di interesse pubblico".(62) Tuttavia, due settimane dopo, successivamente all'aver ricevuto "preziosi consigli dal comitato editoriale della rivista e da altri", l'articolo è stato ritrattato.(63) La rivista, tuttavia, ha dichiarato di "sperare che l'ipotesi di possibili danni derivanti dalla vaccinazione di donne precedentemente esposte all'HPV sia attentamente esplorata in studi futuri".(64) I dati degli studi clinici pre-approvazione di Gardasil avevano precedentemente dimostrato una maggiore incidenza di neoplasia intraepiteliale cervicale (CIN) di grado 2 e 3 in donne precedentemente infettate con il particolare ceppo bersaglio del vaccino.(65)

Secondo i dati federali americani VAERS, al 31 gennaio 2023 sono stati segnalati 618 decessi in seguito alla vaccinazione HPV.(66) In Italia è impossibile conoscere questo dato.

Il presente articolo è riassunto e tradotto da National Vaccine Information Center.

Corvelva

Publish the Menu module to "offcanvas" position. Here you can publish other modules as well.
Learn More.

0
Condividi